Cartoline e Gift tag per San Valentino by The Little Duck

Un regalo per San Valentino

CARTOLINE E GIFT TAG GRIFFATE “THE LITTLE DUCK” PER RENDERE SPECIALE LA FESTA DEGLI INNAMORATI

Dico la verità: non possiedo il gene del romanticismo; le volte in cui ho festeggiato San Valentino si contano sulla punta delle dita e di solito per merito del mio compagno.

Probabilmente il motivo è da ricercare indietro nel tempo, quando i dinosauri abitavano la Terra. Da bambina, alle elementari, avevo un maestro un po’ caratteristico che riteneva tutte le feste, da Natale a Pasqua, passando per l’Epifania e San Valentino, celebrazioni puramente commerciali. A noi bambini non ha mai fatto fare nessuno di quei lavoretti tipici che si regalano ai genitori, quindi pensa alla mia frustrazione quando vedevo i miei fratelli consegnare le loro opere… A me non restava che recitare la solita solfa: “Il maestro dice che è una festa commerciale quindi non ho fatto niente”.

Quest’anno quella bambina avrà la sua rivincita. Reclamo il diritto di poter celebrare una festa commerciale e lo faccio dedicandola a due canzoni che parlano d’amore: “All you need is love” dei Beatles e “Love is love” dei “Culture Club”.

Cartoline e gift tag San Valentino

Qui puoi scaricare due cartolineAll you need is love” in due palette colori diverse e i Gift-tag con la scritta “Love is love” in diversi formati e colori. Puoi stamparli direttamente a casa tua su un cartoncino, oppure andare in un qualsiasi service: sono già belli e pronti (in casa hai un taglierino o una forbice, vero?).

Fammi sapere se ti piacciono e ti auguro un San Valentino pieni di regali, baci e tanta cioccolata!

Corsi calligrafia e lettering by the Little Duck Monica Sotgiu Milano

Consigli su corsi di calligrafia e lettering

UN ELENCO DEI CORSI CHE HANNO CONTRIBUITO ALLA MIA FORMAZIONE NELL’AMBITO DELLE LETTERE

A un certo punto della mia attività lavorativa ho deciso di rimettermi a studiare, concretizzando il mio amore per le lettere attraverso la calligrafia e soprattutto il lettering.

Grazie alla mia innata curiosità (e considerando che a quei tempi non era ancora esplosa la moda delle lettere) mi sono ritrovata a cercare corsi di qualità che fossero adatti a ciò che cercavo.

Non mi stancherò mai di sottolineare come calligrafia e lettering siano due arti che andrebbero imparate tramite un docente qualificato (in presenza o online), qualcuno che eviti di farti prendere brutti vizi, corregga i tuoi esercizi, sottolinei i tuoi errori, ti aiuti a trovare i giusti materiali e i libri da consultare in autonomia. Questi obiettivi non potrai raggiungerli con il solo uso di tutorial trovati sul web.

Questa è la lista dei corsi che ho seguito per raggiungere il mio obiettivo. Spero ti sia utile.

ASSOCIAZIONE CALLIGRAFICA ITALIANA (ACI)

calligrafia.org
Si tratta di un’associazione che promuove la diffusione della calligrafia e del disegno delle lettere attraverso corsi, seminari, conferenze, ecc. I corsi sono per principianti ed esperti, professionisti o appassionati.
Ha sedi a Milano, Roma, Vicenza, Verona, Porte Tresa e Abano Terme (dove annualmente si tiene il “Fine Estate in Calligrafia”, che prima o poi spero di riuscire a frequentare).

Gli insegnanti sono professionisti di grande valore, personalmente ho studiato Corsivo Inglese con Alessandra De Lellis, Brush pen con Luca Barcellona e ho frequentato un corso dedicato ai logotipi calligrafici tenuto da Luca Barcellona e James Clough.
Ovviamente dal 2020 molti corsi si tengono online. Ti consiglio di scaricare il calendario aggiornato che trovi sul sito dell’associazione.

DOMESTIKA

www.domestika.org
Domestika è una piattaforma online di corsi per creativi in lingua Spagnola, molti sottotitolati in italiano, inglese, portoghese e tedesco. Ogni corso, che sia per principianti o per esperti, presenta delle video lezioni e un forum dedicato dove puoi avere un riscontro del docente e pubblicare il tuo progetto finale.

Qui ho frequentato corsi di lettering con Martina Flor, Ivan Castro e Nubikini, ma ti posso garantire che l’offerta è varia: si va dalla grafica all’illustrazione, passando per il marketing e la fotografia. C’è letteralmente da perdersi tra l’infinità di lezioni e il costo è super accessibile, con sconti durante tutto l’anno.

PEMBERLEY POND

Per quanto mi riguarda, Laura e Luisa sono le numero uno dell’hand lettering in Italia. Ho avuto la fortuna di assistere a un loro corso in presenza, ma ne hanno anche uno online che trovi qui:
pembelrey-pond.thinkific.com

ALTRI CORSI

Qualche nome sparso di docenti e organizzazioni di qualità che consiglio:

Rossella Manganelli: la regina del flourish con il corsivo inglese.

Elisa Mavra: tiene corsi di calligrafia con brush pen.

Calligraphy Italia e MiroModo: organizzano corsi di calligrafia e lettering con insegnanti di valore, italiani e stranieri.

Calligraphy Community un gruppo facebook dove puoi trovare interessanti workshop.

Un ultimo consiglio, quando trovi un corso indaga sulla validità del docente, perché mi è capitato di vedere persone senza esperienza offrire lezioni soprattutto nell’ambito della calligrafia moderna.
Nel dubbio, mandami una mail, sarò felice di risponderti e consigliarti al meglio.

Differenza tra calligrafia lettering e tipografia

La differenza tra calligrafia, lettering e tipografia

SCOPRIAMO LE CARATTERISTICHE E LE DIFFERENZE TRA QUESTE TRE TECNICHE D’INTERPRETAZIONE DELLE LETTERE

Per chi non ha familiarità con il mondo delle lettere è facile confondere questi tre concetti e spesso mi viene chiesto che font ho utilizzato per un lavoro, quando invece si tratta di calligrafia o lettering. Bando alle ciance e facciamo chiarezza.

CALLIGRAFIA

La calligrafia è alla base di tutto: sia il lettering che la tipografia partono da lì.
La calligrafia è l’arte che insegna a scrivere con forme regolari, eleganti e ornate, prestando attenzione alla direzione, la sequenza e la velocità di esecuzione.

Ogni lettera è tracciata a mano e tra i vari strumenti che si utilizzano ci sono pennini a inchiostro, pennarelli e pennelli.
In definitiva si tratta di una scrittura che si compone di tratti e ciò che la caratterizza è il contrasto che si crea tra gli spessori più grossi e quelli più sottili. Per convenzione quando si disegnano tratti “in salita”, o ascendenti, li si dovrà fare sottili (diminuendo la pressione sullo strumento), mentre quando si fanno quelli “in discesa”, o discendenti, la pressione aumenterà e il tratto sarà più spesso.

Ogni alfabeto si basa su quelli in voga in determinate epoche storiche, come il corsivo italico, il corsivo inglese, il gotico, ecc.

Qui trovi un articolo con 5 consigli per iniziare a praticare la calligrafia.

Esempi di calligrafia e strumenti per praticarla
Esempi di calligrafia e strumenti per praticarla
LETTERING

Il lettering o hand lettering è l’arte di disegnare le lettere a mano ma a differenza della calligrafia (alla quale è legata per quanto riguarda la costruzione delle lettere) si è più svincolati da tecniche e più focalizzati sulla composizione per realizzare un disegno unico. Non c’è bisogno del singolo tratto o della precisione nel momento, le lettere si disegnano con lo stile che si preferisce e possono essere ritoccate quante volte si vuole, fino a raggiungere il risultato desiderato.

Gli strumenti che si utilizzano sono i più svariati: penne, matite, pennarelli, pennelli, pad o tavolette grafiche e le composizioni possono essere successivamente vettorizzate e stampate.

Qui puoi leggere un articolo su come nascono le scritte che realizzo con questa tecnica.

Scritte realizzate in hand lettering
Scritte realizzate in hand lettering
TIPOGRAFIA (FONT)

La tipografia nasce dalla necessità di produrre testi stampati in gran numero e il più rapidamente possibile, in modo da rendere la produzione dei libri meno costosa e quindi fruibili alle masse. Ovviamente attualmente i buoni vecchi “caratteri mobili” di Gutenberg sono stati sostituiti dalle loro versioni digitali, i cosiddetti Font, ma l’idea è la stessa: simboli ripetibili per creare pagine stampabili o, come succede oggigiorno, visibili sui più diversi dispositivi.

La creazione di questi glifi ripetibili è piuttosto complessa: si realizza vettorialmente e ogni famiglia deve condividere un’unità stilistica. Ogni pacchetto non comprende solo l’insieme di lettere, numeri, simboli, punteggiature, ecc. ma anche regole sistematiche per il loro accostamento.

Qualsiasi font installato sul tuo computer e qualsiasi lettera visualizzata a schermo nel tuo browser è di tipo tipografico, ma nonostante ce ne siano un infinito numero che imitano la calligrafia, nessuno avrà mai il tipico aspetto e quella scintilla che si nasconde in quest’arte (sono di parte, si nota?) 😊

Esempi di alfabeti tipografici
Esempi di alfabeti tipografici

Vuoi che realizzi una scritta per te?

Se vuoi essere aggiornato su tutte le novità che riguardano “The little duck” iscriviti alla mia newsletter.

Cinque consigli per iniziare a praticare calligrafia

Cinque consigli per iniziare a praticare calligrafia

UNA PICCOLA GUIDA CHE TI AIUTERÀ AD AVVICINARTI ALL’AFFASCINANTE MONDO DELLA SCRITTURA A MANO

Scritta realizzata in Corsivo Inglese

La calligrafia è l’arte che insegna a scrivere in modo elegante e regolare. Ho iniziato a studiare calligrafia nel 2014. All’epoca era ancora una passione di nicchia e i corsi erano pochi anche se stava iniziando a diventare una pratica popolare. Quando ho deciso di lanciarmi in quest’avventura, l’ho fatto un po’ senza pensarci: volevo aggiornarmi per quanto riguardava la mia professione di grafica e, avendo sempre amato le lettere, mi era sembrato il modo migliore per farlo.
A quei tempi non conoscevo nessuno che praticasse l’arte della calligrafia a cui chiedere consiglio, perciò ho fatto tutto da sola, tu però sei più fortunato: ora è molto più facile trovare informazioni al riguardo, e per assisterti in quest’avventura ti lascio i 5 consigli che avrei voluto ricevere prima d’incominciare.

1. SCEGLI IL TUO STILE

Per prima cosa ti consiglio di concentrarti su uno stile alla volta, che sia l’italico, l’onciale, il corsivo inglese o ……………. (aggiungere qui lo stile preferito). Scegli quello che ti piace di più, imparalo e assimilalo per bene prima di iniziare a studiarne un altro. Ogni stile ha le sue regole, le sue caratteristiche e i suoi strumenti, quindi per evitare di fare un mischione e confonderti, meglio andare a piccoli passi.

Scritta realizzata con una Brush pen
2. FAI UN CORSO

Oggigiorno Internet è pieno di tutorial dedicati alla calligrafia e le librerie pullulano di manuali per imparare qualsiasi stile calligrafico. Il consiglio più prezioso che posso darti è: FAI UN CORSO! Che sia in presenza o (visti i tempi) online, poco importa! L’essenziale è che ci sia un insegnante qualificato che non ti faccia prendere brutti vizi, che corregga i tuoi esercizi, ti dica dove sbagli e cosa fai bene, ti spieghi la struttura delle lettere, i materiali giusti da usare e i libri da consultare in autonomia.
Non meno importante del maestro è la classe stessa: il confronto con appassionati alle prime armi come te è una cosa che ti farà crescere più rapidamente, te lo posso assicurare.

3. LA PRATICA RENDE PERFETTI

Una volta fatto il corso, ti dico la verità, non sarai un calligrafo provetto, anzi! Ci sarà ancora tantissima strada da fare. Mai come in questo caso il detto “la pratica rende perfetti” è azzeccato. Bisogna scrivere, scrivere e scrivere, non c’è altro modo per padroneggiare la tecnica. Io dopo dieci anni continuo a esercitarmi almeno un’ora tutti i giorni e credimi, mi sento ancora una principiante.

Non pensare che sia lo strumento a farti avanzare, sarà solo la pratica che porterà risultati e migliorie nella tua scrittura.

4. RICORDATI DI RESPIRARE

La calligrafia è una danza: ha un ritmo e va seguito. La posizione, l’impugnatura e soprattutto il respiro sono fondamentali per una buona riuscita del tratto.

La calligrafia per me è una sorta di meditazione: una volta che entri nella bolla sei concentrato su ogni tratto e far fluire il fiato in maniera corretta farà sì che tu riesca a seguire la cadenza giusta per comporre le parole. Non trattenere mai il respiro.

5. IL POTERE DELLA CONDIVISIONE

Non aver paura di condividere i tuoi lavori per chiedere consiglio e ricevere critiche costruttive, esistono gruppi facebook dove trovi tanti calligrafi pronti a darti una mano, a indirizzarti verso il corso e gli strumenti giusti e con i quali intrecciare nuove amicizie. Tra questi ti consiglio Calligrafia & Handlettering Italia e Calligraphy Community.

Se hai domande o vuoi saperne di più su corsi e attrezzatura, scrivimi, sarò più che lieta di darti una mano!

PinoOcchio Scritta hand-lettering

È nata una scritta!

OVVERO IL PROCESSO CREATIVO IN TRE PASSI CHE PORTA UNA PAROLA A BRILLARE DI LUCE PROPRIA

Partiamo da questo presupposto: io sono una curiosa di natura, mi piace sapere come nascono le cose e non per niente sono una patita dei vari programmi TV tipo “Sai com’è fatto”, quindi, come in una puntata della serie in onda su Discovery Channel, vi presento il mio personale “Sai com’è fatto nella casa dell’anatroccolo”. Ma bando alle ciance…

In questo articolo ti mostrerò come nasce una scritta realizzata in “Hand lettering” (disegno di lettere a mano), nella fattispecie il nome di uno spettacolo per bambini ispirato a “Pinocchio” di Collodi: “PinoOcchio”.

Locandina spettacolo PinoOcchio
Locandina dello spettacolo “PinoOcchio”

IL PROCESSO DI LAVORO

1. Dopo aver avuto il brief del cliente mi dedico alla ricerca: spulcio i miei libri di lettering/tipografia e il web, creando una Moodboard (bacheca ispirazionale) grazie a Pintarest, così da trovare lo stile che meglio si adatta al lavoro.

2. Mi armo di carta e matita e faccio dei piccoli schizzi tra i quali sceglierò quello più adatto al progetto. A questo punto inizio a lavorare in un formato più grande, di solito un A4 su carta leggera quasi trasparente, così da poter ricalcare più volte il disegno e apportare le variazioni di stile o le opportune correzioni, finché non arrivo al definitivo.

Bozze e disegno definitivo della scritta a matita
Bozze e definitivo a matita

3. La parte che io considero meno divertente, quella che però devi fare per forza… un po’ come i compiti delle vacanze, per intenderci: la digitalizzazione. Scansiono il disegno, lo importo in Illustrator per vettorializzarlo, poi stampo il lavoro su carta per controllare i difetti da correggere. Infine, dopo aver definito la palette adatta, mi dedico all’applicazione del colore e di eventuale effetti. Il gioco è fatto!

Scritta digitalizzata in Illustrator e palette colori
Scritta digitalizzata in Illustrator e palette colori
Scritta PinoOcchio definitiva
Scritta finita in tutto il suo splendore!

Sei interessato alla realizzazione di una scritta?